esperienze

Concerto a Mendoza

Sin dai primi giorni del nostro arrivo all’ex convento immerso nella pampa, che poi sarebbe diventato la bella cittadella “Mariapoli Lia”, la chitarra e le canzoni erano il nostro pane quotidiano. C’erano tanti talenti musicali nel gruppo, per cui, in breve tempo, mettemmo insieme un complesso con una chitarra elettrica, un basso, il pianoforte e la batteria. […]

esperienze

“Mba’ éichapa reiko?”: Come stai?

Dopo pochi mesi dal nostro arrivo alla “cittadella” in mezzo alla pampa argentina, ci trovammo un giorno per “dividerci i paesi”. Non era mica uno scherzo… era proprio così! Avevamo preso molto sul serio la consegna che Chiara Lubich ci aveva lanciato :“Giovani di tutto il mondo, unitevi”… […]

esperienze

Nella spiaggia più chic (seconda parte)

Come promesso, riprendo il racconto dove l’ho lasciato. Cantavamo nei bar di Punta del Este, la zona balneare più “chic” dell’Uruguay e della regione, per raccogliere dei soldi per la cittadella che stava nascendo vicino a Montevideo, capitale uruguaiana. […]

Ricordi

Racconta il tuo rapporto con Maria

Quella mattina ero, come ogni giorno, a lavorare e a lottare nel porcile con i miei nuovi amici (i maiali!) che si moltiplicavano a grande velocità, quando è arrivato qualcuno per chiedermi se potevo accogliere il gruppo di ragazzi di una scuola elementare… […]

Ricordi

Il mio posto nel mondo

Creo que era un fin de semana de Julio de 1968. Viajábamos, desde Córdoba, los 4 amigos en el coche de Diego. Era la primera vez que íbamos a ese insólito lugar; yo el más joven, con mis 17 años. […]

esperienze

Il lungo ritorno a Lima (prima parte)

Mercoledì 2 settembre: finalmente arriva un messaggio della Aerolíneas Argentinas la compagnia aerea argentina di bandiera, che è rimasta in silenzio per 6 mesi. Mi annuncia la riprogrammazione del mio volo di ritorno a Lima, per il 7 ottobre… […]

Pensieri

Solo l’Amore resta!

Domani riprendo la strada di ritorno verso Lima, dopo quasi 7 mesi vissuti a Córdoba. Da quando sono partito dalla casa paterna, avevo 18 anni, non sono mai stato così tanto tempo nella mia città natale. Posso considerarlo un regalo della pandemia! […]