Resta qui con noi

Da tre giorni s’è consumata la tragedia. Ancora le crudeli immagini bruciano nel cuore dei presenti. “Come può essere successo?”, si dicono i due amici lungo la strada verso la città di Emmaus, a 11 kilometri da Gerusalemme. Avevano riposto tutte le loro attese in quell’Uomo. Eppure l’hanno crocifisso ed è morto come un malfattore qualunque…

Emmaus – Dipinto di Yesmín

Camminano tristi, molto tristi … All’improvviso, una persona si avvicina e cammina insieme a loro. Vuole sapere di cosa discorrono. “Tu solo, sei così forestiero in Gerusalemme da non sapere ciò che vi è accaduto in questi giorni? Noi speravamo che fosse lui a liberarci …”, gli risponde Cleofa, uno dei due viandanti.

L’Uomo, allora, spiega loro le Scritture, “da Mosè e da tutti i profeti”, evidenziando “tutto ciò che si riferisce a Lui”, e che così doveva accadere “perché il Messia entri nella sua gloria”.
Mentre l’ascoltano “il loro cuore arde nel petto” di una rara felicità, senza che riconoscano che è Gesù stesso che parla loro.

Quando sono ormai vicini al villaggio, l’Uomo fa finta di andare più lontano.
“Resta con noi perché si fa sera e il giorno già volge al declino”, lo invita Cleofa.
Gesù accetta e, a cena, mentre spezza il pane e lo dà a loro, si “aprono i loro occhi e Lo riconoscono”. Quando spezza il pane, lo benedice e lo offre a loro…. che esperienza stravolgente!  Difficile immaginare la grande gioia e la commozione di Cleofa ed il suo amico! Si capisce allora che partano di gran corsa verso Gerusalemme per raccontare l’accaduto al gruppo dei credenti.

Oggi, mentre ricevevo l’Eucaristia – raro privilegio in questo tempo d’isolamento –, è sorta nel cuore una richiesta: “Resta con noi! Resta in me, tra di noi, perché siamo in un tempo difficile nel quale il buio sembra avere la meglio. Resta in questo mondo, perché si fa sera. Con te tra noi, la notte non verrà”.

Vi invito ad ascoltare la nota canzone del Gen Rosso:
Resta
qui tra noi

Gustavo E. Clariá

Print Friendly, PDF & Email

Hits: 109

Informazioni su Gustavo Clariá 71 Articoli
Nato a Códoba, Argentina, nonno piemontese, economista, comunicatore, scrittore. Ho vissuto la metà della mia vita in Europa (Italia in particolare) e l'altra in America Latina. Giramondo, aperto alla conoscenza di altre culture. La unidad de la familia humana, en el respeto de la diversidad, es mi horizonte. Cerco, quindi, di vivere la mia giornata "costruendo rapporti" di concordia e di unità. Il mio contributo alla pace.

10 Commenti

  1. Bell’articolo Gustavo! Hai messo in evidenza, secondo me, un aspetto importante della storia cristiana! (Gianni, Italia)

  2. Hermosa reflexión, Gustavo! Como hermosa la canción, canción que hizo historia. Todavía la cantan nuestros jóvenes (Javier, Amazonía)

  3. En un día difícil, llega tu reflexión. Cuando el día parece noche, siempre está Jesús para darme la Paz necesaria. Muchas gracias querido Gustavo (Guillermo, Argentina)

  4. Bella questa unità a distanza attraverso il Vangelo della domenica. Pur non potendo prendere l’Eucaristia ci uniamo a quei discepoli che cercano di rimanere insieme a Gesù nonostante le tenebre … (Tomaso, Belgio)

  5. Gracias, los ojos se me humedecieron pensando en esa conversación con estos tristes caminantes. El corazón arde y sabe que también camina con nosotros. Vamos a Jerusalén con la buena nueva (Miguel, Colombia)

I commenti sono bloccati.