Lo specchio di Ghandi

Chiesero
un giorno al Mahatma Gandhi quali sono i fattori che distruggono l’essere umano e così rispose:

“La Politica senza principi, il Piacere senza impegno, la Ricchezza senza lavoro, la Sapienza senza carattere, gli Affari senza morale, la Scienza senza umanità e la Preghiera senza carità.

La vita mi ha insegnato che la gente è amabile, se io sono amabile; che le persone sono tristi, se io sono triste; che tutti mi vogliono bene, se io li voglio bene; che tutti sono cattivi, se io li odio; che ci sono dei volti sorridenti, se io li sorrido; che ci sono dei volti depressi, se io sono depresso; che il mondo è felice, se io sono felice; che la gente è arrabbiata, se io sono arrabbiato; che le persone sono grate, se io sono grato.

La vita è come uno specchio: Se sorrido, lo specchio mi ritorna il sorriso.
L’ atteggiamento che prenda di fronte alla vita, è lo stesso che la vita prenderà verso di me.
Chi vuole essere amato, che ami.
L’unica raggione perché sei felice è perché tu decidi di essere felice”.

Views: 196

Condividi

Pubblicato da Gustavo Clariá

Nato a Córdoba, Argentina, nonno piemontese, economista, comunicatore, scrittore. Ho vissuto la metà della mia vita in Europa (Italia in particolare) e l'altra in America Latina. Giramondo, aperto alla conoscenza di altre culture. L'unità, nel rispetto della diversità, della famiglia umana, è il mio orizzonte. Cerco, quindi, di vivere la mia giornata "costruendo rapporti" di concordia e di unità. Il mio contributo alla pace.

Una risposta a “Lo specchio di Ghandi”

I commenti sono chiusi.